Agenzia Investigativa delle Alpi

P. I.V.A. 10480230019 | Tel: 0116670949 | Mail: indagini@indagini.com​

Via Ventimiglia, 76 - 10126 Torino

Sede Operativa di riferimento su tutto il 

Territorio Nazionale

e37a8b_fe1334fd183948b7bedfb9d58ee0e435.
Informativa Privacy

Le Sentenze del Diritto di Famiglia

La famiglia, vista dal punto dello Stato Italiano, ma anche come vero e proprio focolare di un vita condotta nella maniera più serena, ha bisogno di essere tutelata.

Attraverso queste sentenze, il nostro scopo, è quello di cercare di aiutarvi a tutelare la vostra famiglia vista nella sua accezione più ampia, come insieme di sfaccettature che si sostanziano nel nucleo principale marito e moglie, evolvendosi in  madre e padre e concludendosi in nonno e nonna. Tutti i livelli interni della famiglia hanno bisogno in determinate circostanze di essere aiutate, con delle prove che, anche a livello giuridico hanno rilevanza.

Cercando di spiegare come sia possibile che all’ interno della prima e vera forma sociale, ovvero la famiglia, sia possibile inserire un istituto utile, come un agenzia investigativa. Utile per comprendere, che qualora non sia più possibile convivere per una molteplicità di cause, vi sia la possibilità di essere affiancati, tutelati e aiutati da un istituto investigativo. 

 

 

Articolo 29 Costituzione:

"la Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio. Il Matrimonio è ordinato sulla eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare.”

AMBITO MATRIMONIALE

 

Art 143 codice civile

 

Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri.

Da matrimonio deriva l’obbligo reciproco alla fedeltà, all’assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell’interesse della famiglia e alla coabitazione.

Entrambi i coniugi sono tenuti, ciascuno in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale o casalingo a contribuire ai bisogni della famiglia.

 

 Art 151 codice civile

 

“il giudice, pronunziando la separazione,dichiara,ove ne ricorrano le circostanze e ne sia richiesto, a quale dei coniugi sia addebitabile la separazione, in considerazione del suo comportamento contrario ai doveri che derivano dal matrimonio”

 

Corte di Cassazione, sezione civile, sentenza n 11516 del 23 maggio 2014

TUTELARSI

 In sede di separazione personale giudiziale, il marito richiede che la separazione avvenga a carico della moglie, a sostenere la sua tesi vi erano numerose prove del avvenuto adulterio che la moglie aveva consumato gia mesi prima della separazione. La Corte di Appello, accetta questa tesi, e revoca l’assegno di mantenimento alla moglie. Le prove che il marito aveva portato in giudizio, sono da ritenersi determinanti per la responsabilità adulterina della moglie. Infatti le prove hanno consentito che, in ambito giudiziale, sia stato possibile ricostruire effettivamente la violazione del dovere di fedeltà del coniuge. In seguito a questa conclusione la moglie, presentò ricorso alla Corte di Cassazione, lamentando in particolare la non utilizzabilità delle prove investigative. La Cassazione, rigetta questo ricorso affermando cosi la piena leicità dell’utilizzo delle relazioni investigative.

 

Corte di Cassazione, sentenza n 19042 del  12 dicembre 2003 

RIDUZIONE ASSEGNO DI MANTENIMENTO

 Con questa sentenza la corte ha voluto stabilire la diminuzione dell’assegno di mantenimento  per l’ex moglie che conduceva delle attività lavorative in “nero”. Infatti il  lavoro del coniuge,anche se in nero, costituisce un elemento di capacità lavorativa o di guadagno.

Nel caso concreto i giudici hanno ritenuto legittima la riduzione dell’assegno di mantenimento che un professore, effettuava a carico dell’ex moglie che in realtà era  impiegata in un negozio di abbigliamento, non con  un regolare contratto.

In questo caso è possibile rivolgersi ad un agenzia investigativa, per accertare la reale situazione, e in caso positivo avere prove da far valere in giudizio.

 

INDAGINI SU MINORI

 

 

 

I genitori di un minore, possono legittimamente richiedere ad un Agenzia Investigativa di effettuare dei controlli sulle attività che il figlio svolge, ciò per accertare le attività che il figlio svolge  nel periodo di tempo in cui non è sottoposto al controllo genitoriale.

Non è raro, che un genitore che abbia il presentimento che il figlio conduca una vita non adatta e che cosi facendo possa influenzare tutto il suo avvenire, si rivolga ad un agenzia investigativa.

 

Qui si introduce il concetto di patria potestà, inizialmente visto come il potere/dovere del padre di impartire l’educazione ai figli, questo concetto dal 1975 equipara la figura del padre e della madre, di qui si inizia a palare di potestà genitoriale.

 

Per questo riguarda questo ramo delicatissimo delle investigazioni, potersi avvalere di questo strumento puo essere particolarmente utile nell’ambito del:

 

Controllo dei minori attraverso specifiche indagini volte ad accertare: cattive frequentazioni, utilizzo di alcolici , sostanze stupefacenti  ecc

 

Verifica e accertamento idoneità dei luoghi, per avere Affidamento dei minori (legge 54/06)

 

Tutela dei minori: indagini atni pedofilia, molestie e/o maltrattamenti

 

Vi è anche la possibilità di rivedere l’affidamento dei figli (casi in cui sia stata emanata una sentenza) in caso di mancato adempimento dei doveri, in ragione delle frequentazioni del genitore, alla crescita per il minore in un posto non adeguato ecc.

Vi è anche la possibilità che la domanda di intraprendere un percorso investigativo sia presentata dal genitore che non abbia  una sentenza di separazione/divorzio e voglia così produrre delle prove che avranno rilevanza giurdica e notevole peso nll'ambito dell affidamento.

Articolo 709 ter Codice di Procedura Civile

“(..) a segito del ricorso, il giudice convoca le parti e adotta provvedimenti opportuni. In caso di gravi inadempienze o di atti che comunque arrechino pregiudizio al minore od ostacolino il corretto svolgimento delle modalità dell’affidamento, può modificare i provvedimenti in vigore e può, anche congiuntamente:

1)      ammonire il genitore inadempiente

2)      disporre il risarcimento dei danni, a carico di uno dei genitori, nei confronti del minore

3)      disporre il risarcimento dei

            danni, a carico di uno dei genitori, nei confronti dell’altro

4)      condannare il genitore inadempiente al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria, da       un minimo di 75 euro a un massimo di 5000 euro a favore della Cassa delle ammende

I provvedimenti  assunti dal giudice del procedimento sono impugnabili nei modi ordinari.”

 

Tutto ciò che viene raccolto nll’ ambito di queste indagini ha piena rilevanza giuridica e rappresenta una possibilità per cambiare la vita del minore. Pare chiaro il fine superiore di questo tipo di attività investigativa, la tutela del minore

IL PRESENTIMENTO PUO' SALVARE UNA VITA, ACCERTALO!

 

Il nostro legislatore con la Legge n 38 del 6 Febbraio 2006, ha introdotto una nuova legislazione che garantisce  una tutela maggiore, grazie anche all’inasprimento delle pene, per quanto riguarda lo sfruttamento sessuale e della pedo-pornografia. Cambiando  alcuni articoli del codice penale garantendo così una maggiore tutela.

 

Corte di Cassazione, penale sez. III, del 12 Novembre 2003 n 43135

La Corte con questa sentenza ha affermato che la pedofilia, come modifica dell’oggetto sessuale in direzione dei minori pur presentando ordinariamente carattere di abitualità, ai fini penali non esclude né attenua la capacità di intendere e volere e, di conseguenza, la penale responsabilità per abusi sessuali contro i minori. Questo è ciò che la corte ha affermato in seguito alla domanda dell’imputato, di utilizzare come attenuante la sua ridotta capacità psichica.

 

Avvalersi in questo caso dell’aiuto di un agenzia investigativa, non vuol dire semplicemente accertare un possibile ‘stato di fatto’, che può concernere nella violenza di qualsiasi tipo nei confronti del minore, ma può risultare una vera e propria fonte di salvezza per lo stesso minore.

Infatti il soggetto che ‘offende’ in qualsiasi maniera il minore può presentarsi come un perfetto estraneo ma, nulla vieta che questo soggetto possa essere un membro molto vicino al bambino, addirittura un famigliare.

Il compito di una  agenzia investigativa è quello di fornire prove documentali che avranno piena rilevanza giuridica.

 

Dati forniti da ‘Repubblica’

Secondo una recente indagine condotta da Telefono Azzurro in collaborazione con Doxa Kids, la violenza sui minori bambini e adolescenti sono sempre più diffuse. Accentuate dall’arrivo di nuovi social network e dalla crisi economica, non vengono quasi mai denunciate.  il 70 % dei casi si consuma dentro le mura domestiche.

LO STALKING

Lo stalking  è un termine utilizzato per indicare  una serie di atteggiamenti tenuti da un individuo, detto stalker, che affliggono un'altra persona, perseguitandola, generandole stati di ansia e paura, arrivando persino a compromettere lo svolgimento della normale vita quotidiana.

Secondo i dati ISTAT, il 16,1 % delle donne ha subito stalking (Dati aggiornati al 2014) 

 

Articolo 612 codice penale

 Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni chiunque, con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l'incolumita' propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita.

La pena è aumentata se il fatto è commesso dal coniuge, anche separato o divorziato, o da persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa ovvero se il fatto è commesso attraverso strumenti informatici o telematici.
La pena è aumentata fino alla metà se il fatto è commesso a danno di un minore, di una donna in stato di gravidanza o di una persona con disabilità di cui all'articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ovvero con armi o da persona travisata.
Il delitto è punito a querela della persona offesa. Il termine per la proposizione della querela è di sei mesi. La remissione della querela può essere soltanto processuale. La querela è comunque irrevocabile se il fatto è stato commesso mediante minacce reiterate nei modi di cui all'articolo 612, secondo comma. Si procede tuttavia d'ufficio se il fatto è commesso nei confronti di un minore o di una persona con disabilità di cui all'articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, nonché quando il fatto è connesso con altro delitto per il quale si deve procedere d'ufficio.

 

Corte di Cassazione  sentenza del 30 agosto 2016, n. 35778

La sussistenza del reato di stalking, trova le sua fondamenta nella condotta del soggetto agente che abbia integrato nella vittima uno stato d’ansia e di timore per la propria incolumità.

La sentenza afferma che “ lo stalking, è un reato che prevede eventi alternativi, la realizzazione di ciascuno dei quali è idonea ad integrarlo; pertanto, ai fini della sua configurazione, non è essenziale il mutamento delle abitudini di vita della persona offesa, essendo sufficiente che la condotta incriminata abbia indotto nella vittima uno stato di ansia e di timore per la propria incolumità”

 

La Corte di Cassazione , sentenza n. 21407 del 23 maggio 2016

Per integrare la fattispecie di stalking sono sufficienti più condotte di molestie rappresentati da singoli messaggi pubblicati sul social network, in particolare facebook.

I social network in tal modo si sostanziano in un ottica di attuazione dei reati.

 

Concretamente un agenzia investigativa è in grado di accertare tutti i comportamenti che rientrano nella fattispecie di stalking, producendo piene prove che avranno piena e fondata rilevanza giuridica e processuale.